Presentazione della monografia EMILIO SCANAVINO. Come fuoco

Pensato in occasione dell’omonima mostra tenutasi al Museo MARCA di Catanzaro dal 16 maggio al 31 agosto 2019, il catalogo “Emilio Scanavino. Come fuoco nella cenere”, a cura di Greta Petese e Federico Sardella, è stato configurato come pubblicazione autonoma, andando oltre la mera documentazione della mostra e raccogliendo testi e immagini, molti dei quali inediti, che potessero arricchire di una voce nuova la pur corposa bibliografia dell’artista.

La monografia, che sarà presentata al Palazzo Reale di Milano lunedì 30 settembre 2019 alle ore 17.30, è edita da Silvana Editoriale. Il volume bilingue italiano/inglese contiene i saggi di Greta Petese, curatrice e direttrice dell’Archivio Scanavino, Federico Sardella e Sara Uboldi, due conversazioni tra Nini Ardemagni Laurini, Greta Petese, Antonella Zazzera e Federico Sardella, la trasposizione di una video-intervista a Emilio Scanavino andata in onda nel 1961, una ricca selezione di immagini e un’ampia biografia aggiornata redatta per l’occasione.

L’attenzione dei curatori nella compilazione del volume si è interamente rivolta all’attualizzazione del lavoro di Scanavino: non potendo raccogliere sue dichiarazioni dirette, Petese e Sardella hanno quindi voluto coinvolgere chi potesse restituirne una testimonianza vivida. Per questo si è scelto di consultare Nini Ardemagni Laurini, amica personale di Scanavino, e Antonella Zazzera, artista nel cui lavoro sono riscontrabili numerose affinità con quello dell’artista genovese, e di trascrivere una video-intervista tratta dalle Teche Rai in cui l’artista stesso spiega la sua posizione teorica, poetica e politica.

All’incontro aperto al pubblico, interverranno insieme ai curatori: Domenico Piraina, direttore del Palazzo Reale di Milano, Rocco Guglielmo, direttore artistico del Museo MARCA di Catanzaro e della Fondazione Rocco Guglielmo, Nini Ardemagni Laurini, Sara Uboldi, antropologa e Dottore di Ricerca in Scienze umane, Università di Modena e Reggio Emilia e Irina Zucca Alessandrelli, storica dell’arte e curatrice della Collezione Ramo.

Tutti i materiali utilizzati come fonte per la stesura della monografia sono stati resi disponibili dall’Archivio Scanavino.

[fbcomments]

Inserito da NORA comunicazione il 27 Settembre 2019